venerdì 28 giugno 2013

Novità in arrivo per srl semplificate e start up innovative

Come sottolineato dal Ministero dello Sviluppo economico in un comunicato stampa, tra le misure contenute nel DL 28 giugno 2013 n. 76, contenente primi interventi urgenti per la promozione dell’occupazione, in particolare giovanile, della coesione sociale, nonché in materia di IVA e altre misure finanziarie urgenti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale e in vigore da ieri, figurano anche novità in materia di srl semplificate e start up innovative.
Di particolare rilievo sono gli interventi relativi alla disciplina delle c.d. “società a responsabilità limitata semplificata”, rivolta a persone fisiche “che non abbiano compiuto i trentacinque anni di età alla data della costituzione”.
Proprio tale limite di età viene soppresso per effetto delle modifiche apportate all’art. 2463-bis c.c. dall’art. 9, comma 13 del DL, assieme al divieto di cessione delle quote “a soci non aventi i requisiti di età”. Si segnala, inoltre, l’introduzione della possibilità di affidare l’amministrazione anche a non soci.
Il decreto interviene altresì sull’art. 44 del DL 83/2012 relativo alle srl a capitale ridotto, mediante l’abrogazione dei primi 4 commi. Viene, invece, mantenuto l’ultimo comma concernente l’accordo per l’accesso agevolato al credito, sostituendo, tuttavia, il riferimento “società a responsabilità limitata a capitale ridotto” con “società a responsabilità limitata semplificata”.
Le modifiche illustrate sembrano, quindi. volte a mantenere un unico tipo di srl con capitale a 1 euro.
Lo stesso provvedimento prevede inoltre una serie di interventi significativi anche sul fronte dei requisiti per ottenere la qualifica di “start up innovativa”, volti ad ampliare l’accesso alla relativa disciplina di favore.
Nello specifico, l’art. 9, comma 16 del DL 76/2013 sopprime la condizione prevista dal comma 2, lett. a) dell’art. 25 del DL 179/2012, in base al quale la maggioranza delle quote o azioni rappresentative del capitale sociale e dei diritti di voto nell’assemblea ordinaria dei soci deve essere detenuta da persone fisiche.
Rimangono, invece, inalterati gli ulteriori requisiti cumulativi che la società deve rispettare per essere definita startup; nel dettaglio, per assumere la suddetta qualifica occorre che la società:
- sia costituita e svolga attività d’impresa da non più di 48 mesi (lett. b);
- abbia la sede principale dei propri affari e interessi in Italia (lett. c);
- a partire dal secondo anno di attività della start up innovativa, il totale del valore della produzione annua, così come risultante dall’ultimo bilancio approvato entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio, non sia superiore a 5 milioni di euro (lett. d);
- non distribuisca, e non abbia distribuito, utili (lett. e);
- abbia, quale oggetto sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico (lett. f);
- non sia stata costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda (lett. g).
Le novità riguardano altresì le condizioni necessarie a dimostrare il carattere “innovativo” della start up. Oltre a quelli sopra esposti, la start up deve, infatti, possedere almeno uno tra i seguenti requisiti:
- le spese in ricerca e sviluppo devono essere uguali o superiori al 20% del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione della start up innovativa;
- impiego come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in percentuale uguale o superiore al terzo della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca presso un’università italiana o straniera, oppure in possesso di laurea e che abbia svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata presso istituti di ricerca pubblici o privati, in Italia o all’estero;
- sia titolare o depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale relativa a una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale direttamente afferenti all’oggetto sociale e all’attività d’impresa.
Il decreto in esame, al riguardo, riduce la quota minima di spesa in ricerca e sviluppo dal 20% al 15% ed estende l’accesso alle imprese con almeno due terzi della forza lavoro costituita da persone in possesso di una laurea magistrale e alle società titolari di un software originario registrato presso la SIAE. Quest’ultima misura, come ha sottolinea il MISE nel comunicato, è volta a favorire un incremento importante di startup innovative nel campo dell’economia digitale.

Nessun commento:

Posta un commento